D’UMBRE E PICENE…

Piazza, san Paolo, scalini, scrivo.
La città ha fatto incetta di mattone,
consunto dagli anni, rosso passivo.
Vorrei stendere un conto spedizione
di atti mancati, Pam, lapsus attivo.
Surplus di Paola in elaborazione,
esigenza di felicità, di sintesi adeguata,
manco sfuggita, appena immaginata.

D’altra parte son piuttosto perplesso,
indolente: sbattetemela in faccia,
maceratese tiratemi appresso
dalla vaga somiglianza che impaccia,
varietà e tempo trascorso ammesso!
Tema non più fattibile, minaccia…
multietnicità è qualità onesta,
cauta quiete dopo la tempesta.

E Loreto dovrei dirla asettica
nel neoclassico atto a valorizzarla,
in pochi aspetti la trovo ascetica,
in certa umanità per cui elevarla.
Diresti mai Recanati euforica?
Percepisci lo spirito a osservarla,
come nelle variazioni della Strap
dei primi tempi, con un maggiore gap.

Gioconda sfinge il cui sorriso implode
anzi il fortuito slancio la svelasse,
poco fraterno sui suoi glutei e sode
morbidità dei seni sublimasse.
L’avresti detto dopo tanta lode
sotto l’orage la roudja ti ospitasse?
Eppur non ha deluso per vedute,
né per fuggenti fattezze splendute.

Di Jacopone la villa più astrale
ove si può sognare ad occhi aperti,
una visione diventa reale,
tornato indietro negli anni a riaverti.
Nel giardino di Tamara ancestrale
vieni incontro sconvolgendo i tuderti:
stai nel letto con me, sono io a stupire,
accade evento ch’è arduo definire.

Del stare insieme il patto si fissava
stesi sul prato di san Fortunato
dove la baby sitter smanettava.
In piena fiaba il sogno é scompigliato,
malgrado i tentativi non tornava.
Viaggio intenso tutto c’era già stato…
salvo prender nel ventre un dissuasore
se l’arte sta su e metti troppo ardore.

181 d'umbe e picene

Metrica: ottave
Schema: ABABABCC
(XXXIV.L – 25.05 Macerata)

BELLEZZA RIVELATA

Dopo aver notato il viso apparire
proiettato d’ombre e luci difformi,
espressioni tenuemente apprensive,
smagrito da certo arcano disagio,
ma amorevole e con lo sguardo intenso,
occhi eloquenti balia del presagio,
quel caro gesto di saluto, denso
di malinconia e smarrito scompenso,
è germinato alcunché d’insolito
fervore, indotto dal tuo così eccelso.
Questo lungo istante e grande dono
ha suscitato un plus valore saggio,
pertanto sulla bellezza ragiono
e ormai nitidamente m’avvantaggio
sì quando chiari i monti dal villaggio.
Splendore in effetto rivelazione,
non proprio estetica, pura emozione,
concetto pregno d’alti contenuti
distinti contro aridità artefatta;
era noto e ora t’ho puntato i lumi.
Il miglior tesoro che di te serbo,
vederti come sibilla del verbo.

 

Metrica: sperimentale. Incastro di assonanze e rime di endecasillabi in eptametri.
Schema: ABACDCD DEDFGFG GHHILIM M
(XXXI.XLVII – 31.03 A)

 

VISIONES RUMANA

L’ho rivista, rumana inconosciuta,
per la festa, alle messe di partito
celebrate in casa, mentre mia madre
sta puntualmente a preparare il pranzo;
là, dove si è confessata credente
e catto-libertaria militante,
bimbo nello stroller, moglie insolita,
con un’altra identità episodica
dall’estro dei suoi occhi blu negata,
fulgore sufficiente a farla bella.
Il mio coraggio di chiederle chi era
sorretto dal suo saluto d’intesa,
i reciproci sguardi imbarazzati,
rituale che officiammo incuriositi
in summa dei cortili domestici,
di campi sulla collina dismessi
tra opuntia ficus-indica infestante
e sentieri ideali evanescenti.
Dentro la sequenza puzzle dell’ortus
è apparsa tosto, nel ciclico movie,
varcare il cancello, affatto osservata,
verso copioso nulla d’infinito
che s’allarga, restringe, dunque muta
trasfigurando la terra e la luna,
prima del nostro lumare consueto;
una compagna tampinante mollo,
scelgo e fulmineo son da lei in silenzio.
Ne capirò l’identità al risveglio.

166 visiones rumana

Metrica: assonanze alternate di endecasillabi (consonantica, tonica, semplice, atona, sillabica).
(XXXI.XLVII – 21.02 A)

HÝBRIDA

Ti siede a fianco, mediti su chi sia…
Somiglia al meglio di quella callona
che lavora le maglie del diritto
come stesse processando Paschedda:
nel viso l’hýbris, l’immagine ibrida,
contegno equivoco d’intraprendente.
E’ apparsa all’improvviso tale a jana,
cortigiana vista da sempre e da mai
e si schermisce senza convinzione.
Tosto trasfigura e fa l’amabile,
adagia il capo sopra la tua spalla
avviando l’eccitante gioco assurdo.
Alza gli occhi sul tuo volto attonito,
eppur non offre alcuna spiegazione;
folle attrazione, esige solo baci,
s’insinua nella smania, è provocante.
Ti accompagna per strada, t’incoraggia.
“Sei impegnata Hýbrida?” tambureggi.
“Potrei comunque liberarmi…” adula.
L’abbraccio diventa allora incessante,
pure il classico contatto tra i fianchi,
l’evolvere sensuale della schiena,
le guance, la bocca, beatitudine.
Parrebbe conquistata felicità!
E lei tranquilla, tutto regolare,
in una dimensione surreale.
Dopo un poco sdoppia, ovvero squinterna,
riaffiora incinta, peraltro irrequieta.

hy1

Metrica: 28 endecasillabi sciolti
(XXXI.XLVII – 17.01 A)

Nota:
28: numero perfetto, mese lunare, somma dei numeri per cui è divisibile.
Paschedda Zau: leader de Su connotu

UNE SOIGNANT

Sviluppare sempre lo stesso viaggio
con in mente un leggiadro chiodo fisso,
nei sensi donne, femmine, l’abisso,
darlings, beatitude, splendeur, abbordaggio.
Dai corpi avvenenti anse d’ancoraggio,
lodando i volti temi esser prolisso…
chiesa di San Francesco, alto il ginocchio,
distesa sulle scale dà nell’occhio.
Perdi la testa per come lei è pura,
fisico slanciato, assai sostanziale,
slava o del posto, è sovrastrutturale.
Guida una Luce d’Eramo un po’ oscura,
sfingica, irridente in sua congettura,
o compiacersi è segno liberale
di comprensione per tanto fervore,
altrimenti prova solo stupore.
Vaga, dietro lenti da sole ammira,
mentre indugi, offre rinfresco in tazzina,
poi avviandosi spinge la carrozzina.
Quanto considera e lambisce ispira,
ciò che veste si fa regale e attira;
scopre profondamente quand’è china
leve tonde e fini. Eterea ragazza,
infiamma anche le pietre della piazza.
Segue il tuo incanto con fare furtivo,
trascina oltre l’estremo la fantasia,
giri a largo ma permane bramosia.
Riappare al Dom, stai a distanza apprensivo,
gusti il possibile, audace, effusivo,
e a sera ogni ché la pioggia lava via.
Di mattina restano appena i sogni,
l’attimo in cui nel fiume Po ti bagni.

163 une soignant b

Metrica: ottave in endecasillabi
Schema: ABBAABCC
(XXX.XLVI – 10.09 Piacenza)

QUEL TI AMO

Immagina come un ti amo speciale.
Vorrei non fossi ancora refrattaria
a questa voce di lieve sagacia
che esprime perfino affetto gioviale:

nei casi d’amicizia intellettuale,
di un familiare, oppure di un’amante,
trascende, ma giuste passioni sparge
il campo semantico valoriale.

Raffigurati una domus rurale
costruita mattone su mattone,
pietra rifinita da muratore,
una casa molto bella e ospitale.

Quel ti amo è un universo emozionale,
di fremiti, trasporto, desiderio,
di incanto, simbiosi, sottile pregio,
bianco pallido, rosa e blu sensuale.

Massime del tuo spazio esistenziale,
il tuo modo di esistere, la tua arte,
il tuo creare, il tuo essere madre,
figlia, sposa, donna, musa, vestale,

carismatica: a te questo ninfale.

162 quel ti amo

Metrica: Quartine di endecasillabi e verso finale, con rima esterna ripetuta e assonanza interna variabile.
Schema: abba acca adda… a.
(XXX.XLVI – 27.07 A)

EDUCARE AL PENSIERO CREATIVO

Via incubi e segni, abbozzo sovversivo:
quel giorno l’ispirazione non c’era,
sgorga all’equinozio di primavera
a completare tal caso interattivo.

Il ritmo esige un clima distensivo,
l’ho cercato in qualche eterea atmosfera,
tu impegnata con dei mentori schiera
educandoli al pensiero creativo.

Il mistero del verso è appassionante,
m’ha preso stamattina alzato appena
per attenzione a te amica stupenda.

Cantavi e in alcun modo si fraintenda
‘La diversamente rossa scatena,
voglio farmi un regalo stimolante’.

L’ effetto risultante
dell’epico incontro tra Dafne e Morfeo
compie nel secondo alloro l’apogeo.

161 educare al pensiero creativo

Metrica: Sonetto caudato
Schema: ABBA ABBA – CDE EDC – cFF
(XXX.XLVI – 20.03 A)
Ad Anna Alessi per la II laurea.

DA TEMPO INDUGIO…

Da tempo indugio, villa del Monreale,
urbe piatta, bassa, d’armonizzare,
dato hai poco o fatto finta di dare.

Vaglio il fato dei nomi ricorrenti
procedendo in corsie lunghe e diritte,
lumo assiduo non celando ardimenti,
tu ricambi silenti occhiate invitte;
fugaci appaion le sbirciate inflitte
nel timore s’intersechi il guardare:
trae forza la liaison con l’avanzare.

Francy dista passerelle infinite,
spinge una sorta d’idra in lontananza
incurante de’ sporgenze proibite
che hanno dei colli sinuosi prestanza
e di fanali cerulei mancanza,
filtrati dai cartoni pro imballare,
ma sente l’attenzione accarezzare.

Mi struggo a ideare dell’impasse lo sblocco
di tutto ignaro, di saper pauroso.
Creo altri alibi e in corsie d’acqua arrocco:
scacco a Barbie dal sorriso affettuoso,
timida, audace e aspetto delizioso
ed è un ennesimo assurdo giocare.
J’adore… eppure vi ho visto sfumare.

160-da-tempo-indugio

Ballata
Metrica: Ballata. Schema: xyy; ababbyy
(XXX.XLVI – 9.03 A)