BELLEZZA RIVELATA

Dopo aver notato il viso apparire
proiettato d’ombre e luci difformi,
espressioni tenuemente apprensive,
smagrito da certo arcano disagio,
ma amorevole e con lo sguardo intenso,
occhi eloquenti balia del presagio,
quel caro gesto di saluto, denso
di malinconia e smarrito scompenso,
è germinato alcunché d’insolito
fervore, indotto dal tuo così eccelso.
Questo lungo istante e grande dono
ha suscitato un plus valore saggio,
pertanto sulla bellezza ragiono
e ormai nitidamente m’avvantaggio
sì quando chiari i monti dal villaggio.
Splendore in effetto rivelazione,
non proprio estetica, pura emozione,
concetto pregno d’alti contenuti
distinti contro aridità artefatta;
era noto e ora t’ho puntato i lumi.
Il miglior tesoro che di te serbo,
vederti come sibilla del verbo.

 

Metrica: sperimentale. Incastro di assonanze e rime di endecasillabi in eptametri.
Schema: ABACDCD DEDFGFG GHHILIM M
(XXXI.XLVII – 31.03 A)

 

IL GIOCO ASSURDO

Pronuncio il tuo nome sillabando
ché duri a lungo come “serenella”,
sol basti per cadere in estasi
nel tiremmolla del gioco assurdo.

Incrociando il tuo sguardo, persisto,
intensamente esplicito che voglio,
lo chino solo per mirar il seno
i cui frutti cremosi non disdegno.

Mi struggo per la tua carne sfiorita
con qualche segno e crespa tra mollezze.
Offri baci celati, occhi dolci.gioco assurdo,estasi,tiremmolla,sguardo,seno,frutti,carne,mollezze,baci,dolci                

Potrei scrivere giocoassurdo, tanto è univoca e chiara per me questa situazione, che riconosco e definisco tale ogni volta che ritorna. Come è vero che ognuno di noi ha un proprio linguaggio, propri campi semantici che estende e restringe in base a tante variabili esclusive, proprie di una sola persona.

Dico questo perché non so se nell’introdurre il concetto renderò esattamente la mia idea, anche perché per me il fenomeno è abbastanza ricorrente e mi stupisco sempre, come davanti a un dejà vu.

Il giocoassurdo è come un romanzo, lo puoi vivere in prima persona, o essere osservatore esterno; può anche essere piacevole, intrigante, allora si può coltivare, prendere a piccole dosi, senza fretta. Ma come negare che spesso è stressante e deludente, evanescente, snervante… soprattutto se non evolve positivamente e resta assurdo.

Anche questo brano ha origine da ispirazione onirica mattutina.

(XIX.XXXII – 31.10 A)

DA UNO SGUARDO DI BAMBINA

… Uno sguardo di bambina
ha riempito qualcosa dentro me.
Era là che giocava
con i suoi amici,
poi ha alzato gli occhi
e mi ha guardato dolcemente;
così ho visto la pace,
ho capito il messaggio di Cristo,
il perché devo tornare bambino;
ma non basta che lo diventi io solo,
non basta che lo diventino tanti,
non basta che uno solo non lo sia.
Se un giorno diventeremo tutti bambini
realizzeremo la Libertà.
Nello sguardo di quella bambina c’era amore:
io provo amore per lei,
io amo i bambini,
vorrei essere come loro
e soffro vedendo quanto poco lo sono.
Incontrando un bambino
incontro il giusto
e sorrido al giusto
e il giusto mi sorride
e qualcosa si riempie dentro me. 

bambina,sguardo,amici,pace,messaggio,libertà,amore,giusto,sorriso,stelle

Adolescente, tornavo da scuola, percorrevo l’ultimo tratto di strada verso casa; mi imbattei in un gruppo di bambini che giocavano.
Al mio passaggio una bambina, un angelo bellissimo con gli occhi blu, si fermò e mi guardò sorridente, risposi al sorriso e continuai…
Questo attimo si è fermato nella mia mente e ancora oggi ne serbo memoria.
Qualche tempo dopo scrissi questo brano nel tentativo di descrivere quell’emozione, dandogli un profondo significato di pace.
(VI – 12.12 Roma)