CUN OGUS DE PRANTU

Candu a sa stima nosta ponit dudas
su mudigori suu spantau mi lassat,
no arrespundit, m’aconcant timorias,
non bogat fueddu, s’idea mi cancarat.

Sigu s’arrexonu, tui non pregontas,
impeuras s’arrennegu chi mi strèmpiat,
pigas a afinamentu cun is tìrrias,
s’ésciu tuu iscedas frassas mi torrat.

S’imbressi de su chi disìgiat m’iscriit,
abarru assou cun arragus traitoris,
mi disamparat, gai si ndi scabullit.

Mancai non tèngiat malas intentzionis,
de ammanniai su pentzamentu permitit
e mancu parrint trassas de brulleris.

Si, comenti seu ddu scis,
immoi non podis fai finta de nudda,
po chi deu t’apeti dintedie in bidda. ogus

E’ imbarazzante per diversi motivi commentare certi brani; in sostanza valgono le considerazioni fatte per quello precedente. Questo è stato concepito circa tre mesi prima… è pure sfuggito al mio “rigoroso” controllo cronologico.
Il tempo fa un po’ una sintesi della verità, ne dà un’idea, una qualche risultante; così, può stupire gli stessi protagonisti che un periodo molto bello sia documentato dagli attimi dolenti. Tuttavia la verifica dei motivi ispiratori di questo sonetto caudato è stata inquietante e li conferma in pieno.
Ogus de prantu può sembrare estremamente drammatico, una forzatura. Non è così, gli occhi possono riempirsi di lacrime non solo per un acuto dispiacere, ma anche per incredulità, stizza, sfinimento, che come i versi sfuggono al controllo.
(XXVI.XLII – 11.1 A)

Elaborazione in italiano:
CON GLI OCCHI LUCIDI
Quando mette in dubbio il nostro amore/ i suoi silenzi mi lasciano di stucco,/ non risponde, induce paure,/ non emette suono, l’idea mi raggela./
Continuo a parlare, tu non intervieni,/ peggiori la rabbia che mi ferisce,/ mi sfinisci con i dispetti,/ la tua maschera emana messaggi ambigui./
Scrive il contrario di ciò che pensa,/ resto solo con i cattivi pensieri,/ mi abbandona, così se ne libera./
Anche se non lo vuole fare,/ permette che aumenti l’inquietudine/ e gioca ma non è uno scherzo./
Se sai come sono,/ ora non puoi più fingere,/ per quanto io ti aspetti comunque./

Per confondere ulteriormente le idee,
GLOSSARIETTO:
Spantai = sorprendere, turbare, sbalordire
Aconcai = sospettare, presumere, concepire
Cancarai = intorpidire, stordire, colpire
Pregontai = chiedere, interrogare, sollecitare
Strempiai = rimproverare, offendere, sciupare
Isceda = notizia
Disìgiu = desiderio
Arragu = angoscia
Trassa = comportamento
Brulleri = burlone
Dintedie = sempre
Bidda = villaggio

PRESEPE

Pur non volendo talvolta mi sorprendo
a pensare mesto all’assenza presente,
profondamente; per la casa vagando
divago nel vuoto rivangando a caso,
ogni oggetto mi parla, calcio la palla
tristemente poco usa; rimostrando
mi mostro tutti quei giochi desolati,
riempiendo scaffali e armadi inviolati:
realmente questa cosa mi sta straziando.
Che strazio! implodo urlando, dolorando,
coso il piano, le note stralcio stridenti,
spazio d’efferato delitto ferendo.
I bimbi crescendo, le basi svanendo,
sostanza costruita faticosamente,
dissolvente, vassi ormai devastando;
insisto, ciò stando, a ricrear la cosa
per sormontare il dolore e l’intralcio,
lievemente l’ego così soddisfando.
Dispongo i balocchi riposti, isolati,
ambendo sian di nuovo manipolati,
finalmente in casa insieme vivendo.
Vivere la bimba creando, sognando,
giocosi in costante intralcio di ninnoli,
mai sazio sarà nostro amore stupendo. pres

I rari solleciti ad affrontare un tema ottengono l’effetto sotto gli occhi di tutti, benché si fosse alla vigilia di Natale di pochi anni fa, dunque in un’atmosfera favorevole; ma se il presepe sfugge, non resta che agognarlo.
Un presepe per tutte le stagioni e per nessuna…
Il tempo di pubblicazione nonostante le apparenze è ancora appropriato, se è vero che il Presepe si dovrebbe tenere fino alla Presentazione di Gesù al tempio, insomma fino alla santa Candelora… che se nevica o se plora dell’inverno siamo fora.
Il metro è sperimentale, senari doppi, doppiamente minati.
(XXV.XLI – 20.12 A)

ESALOGIA

LIBERAZIONE
L’hai il pollice?
Allora alzati all’alba
e raggiungi l’autostrada
per fermare le corse.
Uno stridore di freni
percuote le tue orecchie
e un’automobile ti porta via.
Corri verso la liberazione,
verso l’imprevisto,
verso la montagna
dove l’acqua sgorga
dalla terra e conforta
la tua esistenza.
Il giorno è troppo breve
per godere di ogni risorsa
e il tuo animo combatte,
vuole stare là con la natura,
evadere il mondo corrotto;
eppure tu tentenni,
ti imponi di tornare:
dormirai nel tuo letto,
ti alzerai, lavorerai, mangerai,
dormirai nel tuo letto…
flusso,coscienza,vela,liberazione,vagone,insonnia,sesso

VAGONE
Un rumore mi sveglia,
l’ambiente che ho intorno
mi stupisce…
Gia! Sono in treno,
nel mio vagone,
nella mia cabina.
Dal finestrino
il paesaggio corre,
regna il silenzio.
Lei dorme ancora.
vorrei entrare
nei suoi sogni.
Mi cruccio
per la sua assenza;
la sveglio,
sguardo fulmineo,
irraggiungibile,
Intendo: il viaggio
sarà ancora lungo.
Ci abbandoniamo
a giochi quieti.

flusso,coscienza,vela,liberazione,vagone,insonnia,sesso

INSONNIA
Quella casa era troppo ampia
perché io ci dormissi
un’altra notte.
Divenne un problema
assegnarmi un letto.
Dormire con te?!
Ci credevano innocenti,
tu non dicesti niente,
fulminea malizia negli occhi.
Pensavo si scherzasse,
situazione paradiso jamais veu
pericolosa, compromettente.
Mentre fantasticavo
non mi resi conto
che ti proposero di andare
dove io non volevo.
Fu una notte insonne,
passata a mordermi le dita,
primizia di occasioni perdute.

flusso,coscienza,vela,liberazione,vagone,insonnia,sesso

I tre brani, insieme ad altri tre già pubblicati (L’esigenza, Suonando sulla nave, Un mondo diverso), costituiscono una particolare esalogia, in quanto sono stati composti in quarta superiore, durante l’ora di lezione, al primo banco.
Il diario riporta semplicemente “vena compositiva libera”. In realtà per qualche tempo questi brani non erano “riconosciuti” tra i miei versi, li conservavo quasi come testimonianza di quella “vela” mentale, come versi spontanei.
Per dirla tutta, io e il mio compagno di banco, tutt’altro che decisi a seguire la lezione, ci sfidammo a comporre versi a tempo, ognuno di noi dava il titolo del brano all’altro e tutto si doveva risolvere in qualche minuto.
I versi sono dunque composti di getto, in una sorta di flusso di coscienza ante litteram (allora non conoscevo certo quel concetto e tanto meno Joyce), penso si sia risolto tutto in meno di mezzora.
I brani sono stati corretti, mantenendo sempre il concetto originario. Questi pubblicati sono i primi tre, seguivano poi “Suonando…”, “Mondo diverso”, “L’esigenza”.
Sono riconoscibili in nuce le mie idee ecologiste, libertarie, pacifiste e una empirica passionalità. Essi segnano in sostanza uno spartiacque tra il primo e un secondo periodo compositivo.
(V – 7.4 Ca)

http://musicalbox.myblog.it/files/04%20-%20Sysyphus%20Part%204%20,%20Richard%20Wright.mp3

FANCIULLEZZA

Scontento lasciai il paese natale,
dovetti abituarmi alla nuova dimora;
trovai altri amici per giocare
e presto condivisi con una bimba
le mie passioni di fanciullo.
Primo giorno di scuola, fermento,
tra sconosciuti piansi disperato
e disertai la classe assegnata
rivendicando la soluzione gradita;
rappresaglia: del maestro il sarcasmo!
Ricostruivo il mio microcosmo,
nostalgico di piaceri infantili:
un giro in automobile, fantasie…
Classe mista! Nel mio vico si giocava
con riti della tradizione contadina:
il salto di una fila di fuochi
nella calda notte di San Giovanni.
Suggestione dalle strisce western
all’origine della tenda indiana,
culto annuale, da noi piccoli imitato.
Vaghi ricordi del primo alloggio,
minestroni e sieste ingoiati a forza,
ciak sui nuovi vicini ventinovenni,
uova predate a galline ruspanti
in terra nullius. Trasloco di fronte.
Le paure del cinema di morte,
lugubri egizi m’incussero terrore.
Pensieri volti a compagna di classe
per cui tutti andavamo in sollucchero
e ad avventure fantastiche in treno.
Davamo la caccia ad inermi locuste
con armi di legno riprese da fumetti.
Stupore e incoscienza per un lutto
che colpì la mia amica di giochi,
la famiglia emigrò. Finestra sul mondo.
La nuova vicina coetanea e moralista,
nata chissà in Scorpione? Dominava…
I calzoni corti per giocare a calcio
accanite partite in strada tra rivali.
Se imposti disertavo messa e dottrina.
Non amavo la vita lontano da casa
in colonie controllate dalle suore.
L’impulso a prender la bici che babbo
usava per andare al lavoro… sfasciavo.
Su bascu, ispetzionai sa linea, a cassa.
Le assenze del maestro in aula
pretesto per sfogo di impeti e sfide,
distrussi un lavoro della classe
confidando su un salto più lungo.
Radio, Congo, America latina, tv ragazzi.
Si esplorava il mitico fiume
e il nuraghe divenne la fortezza;
il rito di iniziazione nel torrente,
le discordie, la scissione, la rivolta.
Recinti di filo in giardino…
classica caduta nella fontana
Battaglie, invasioni, giornaletti,
desiderio di contatti femminili.
Infiniti fatti non riferiti, offuscati.
Inconsapevolezza della verità, miraggi.elementari,classe mista,notte di san giovanni,egizi infanzia,fanciullo,scuola,giochi,amore,ederlezi

Il tempo delle Scuole Elementari ricostruito a diciotto anni. Rivedendo il brano, mi sono reso conto di tanti particolari trascurati, come se lo scorrere del tempo rendesse più nitido il ricordo del passato.
Cinque anni per un bambino sono una vita, un tempo lunghissimo vissuto intensamente, lentamente. Man mano che si cresce i ricordi e gli episodi si moltiplicano, si affollano nella mente, chiedendo attenzione… se non si opera una scelta drastica, selettiva, non se ne esce: così è stato.
Il titolo è originale, ispirato ad una sorta di versificazione pedagogica, di formazione, che ha avuto seguito per qualche tempo.
La complessità di dover raccontare un periodo della vita in versi, richiama qui e là, tanta retorica, più o meno percepita in base a stati d’animo ed epoca vissuta. Pertanto il brano, proprio fisiologicamente, per elezione, ha subito un rimaneggiamento che non ha interessato in modo particolare gli episodi, ma il modo di raccontarli, privilegiando il flashback all’esposizione meramente prosaica, pur presente. Sarebbe dunque inutile segnalare le variazioni, per capirne la portata, mi limito a citare gli ultimi tre versi della prima stesura, condensati in uno solo:
Poca coscienza di verità,
lontani i tempi di rivolta,
irrealtà su ogni fanciullo.

(IV – 30.12 A)

Music:
MI SOL FA MI
MI SOL FA MI
MI LA (da “L’impulso a prender la bici…”)
MI LA (a “Confidando su un salto…)
DO SOL (…repeat)
(IV – 30.12 A)

http://poeesie.myblog.it/media/02/02/463367507.mp3