L’INFINITO 2.0

Per certi versi non è il mio poeta,
per certi versi, non per certe rime,
ma lo è per l’ottimismo residuale:
per tutti c’è un sabato nella villa
e una doncella che vien dal salto,
nonché quiete dopo la tempesta…

(frammento)

Metrica: sonetto
Schema: —
(XXXIV.L – 24.05 Recanati)

 

CUN OGUS DE PRANTU

Candu a sa stima nosta ponit dudas
su mudigori suu spantau mi lassat,
no arrespundit, m’aconcant timorias,
non bogat fueddu, s’idea mi cancarat.

Sigu s’arrexonu, tui non pregontas,
impeuras s’arrennegu chi mi strèmpiat,
pigas a afinamentu cun is tìrrias,
s’ésciu tuu iscedas frassas mi torrat.

S’imbressi de su chi disìgiat m’iscriit,
abarru assou cun arragus traitoris,
mi disamparat, gai si ndi scabullit.

Mancai non tèngiat malas intentzionis,
de ammanniai su pentzamentu permitit
e mancu parrint trassas de brulleris.

Si, comenti seu ddu scis,
immoi non podis fai finta de nudda,
po chi deu t’apeti dintedie in bidda. ogus

E’ imbarazzante per diversi motivi commentare certi brani; in sostanza valgono le considerazioni fatte per quello precedente. Questo è stato concepito circa tre mesi prima… è pure sfuggito al mio “rigoroso” controllo cronologico.
Il tempo fa un po’ una sintesi della verità, ne dà un’idea, una qualche risultante; così, può stupire gli stessi protagonisti che un periodo molto bello sia documentato dagli attimi dolenti. Tuttavia la verifica dei motivi ispiratori di questo sonetto caudato è stata inquietante e li conferma in pieno.
Ogus de prantu può sembrare estremamente drammatico, una forzatura. Non è così, gli occhi possono riempirsi di lacrime non solo per un acuto dispiacere, ma anche per incredulità, stizza, sfinimento, che come i versi sfuggono al controllo.
(XXVI.XLII – 11.1 A)

Elaborazione in italiano:
CON GLI OCCHI LUCIDI
Quando mette in dubbio il nostro amore/ i suoi silenzi mi lasciano di stucco,/ non risponde, induce paure,/ non emette suono, l’idea mi raggela./
Continuo a parlare, tu non intervieni,/ peggiori la rabbia che mi ferisce,/ mi sfinisci con i dispetti,/ la tua maschera emana messaggi ambigui./
Scrive il contrario di ciò che pensa,/ resto solo con i cattivi pensieri,/ mi abbandona, così se ne libera./
Anche se non lo vuole fare,/ permette che aumenti l’inquietudine/ e gioca ma non è uno scherzo./
Se sai come sono,/ ora non puoi più fingere,/ per quanto io ti aspetti comunque./

Per confondere ulteriormente le idee,
GLOSSARIETTO:
Spantai = sorprendere, turbare, sbalordire
Aconcai = sospettare, presumere, concepire
Cancarai = intorpidire, stordire, colpire
Pregontai = chiedere, interrogare, sollecitare
Strempiai = rimproverare, offendere, sciupare
Isceda = notizia
Disìgiu = desiderio
Arragu = angoscia
Trassa = comportamento
Brulleri = burlone
Dintedie = sempre
Bidda = villaggio