LA CRISE

Il mio ombrellone è rotto da tempo,
old, imported products General Union
milleottocentosettantanove,
vetusto! Dimenticato ago e filo…

La borsa ha guadagnato un punto…
E iat a bastai u’ puntixedd’ ‘e agu…
C’est la crise! Attention allo scippo!
Intorno ombreleeinòn ultimo grido.

Ebbene scippami! Partout…che aspetti?
Nulla di popolare, tout à la page!
In questo mare verde smeraldo, toujours.

crisi, crise, mare, denaro,poveri

Interrompo la pubblicazione cronologica per celebrare il 24 agosto, festa molto popolare nella mia repubblica personale. Lo celebro con questi versi ispiratimi dalla mia musa pochi giorni fa, e se non ho ottimizzato il grande stimolo, mea culpa.
La crisi del capitalismo che stiamo vivendo e che tanti si ostinano a voler guarire, mentre è incurabile, ha una miriade di aspetti, ridicoli, contradditori, bizzarri, che ciascuno di noi potrebbe cogliere nella vita di ogni giorno.
(XXVII.XLIII – 16.8 Arbus/P)

UN SOGNO

Dopo essere tornato a casa
mi sono abbandonato alle nostalgie
e ho combattuto il malumore
sognando.
Una ninfetta mi è venuta accanto
e mi ha chiesto di amarla:
gli altri l’avevano evitata
ridendo.
Ho rifiutato,
notando il suo corpo già maturo,
e le ho spiegato
che stavo desiderando un’altra.
Perdendo la speranza di starmi accanto
si è allontanata delusa, così l’ho
richiamata.
Mi ha guardato dolcemente,
poi è fuggita via irata,
avendo capito che si trattava di
simpatia.
Nella realtà
il dialogo con la mia ragazza è in crisi,
proprio perché
nel mio affetto c’è comprensione.
un sogno.jpg

Brano scritto a quindici anni. A tratti mi vergogno ancora un po’ della retorica che investe alcuni passi come uno tsunami. Per questo motivo il brano ha subito nel tempo fior di rimaneggiamenti. Quel che rimane è una certa atmosfera che mi rimanda a quei giorni, a quegli amori irripetibili, nutriti da sguardi, contatti leggeri, carezze, sorrisi, gelosie, strategie e soprattutto sogni.
Si intravede, in nuce, un approccio letterario pervaso ancora da gusti musicali, ma più romantici, riscontrabili anche nella scelta di alcune parole. Simpatia e comprensione, in questo caso sinonimi, alleggeriscono concetti più banali e crudi; mentre ninfetta è una scelta pudica, post morso della mela.
Diario: questa è la storia del mio breve incontro con M… (storia un po’ rovesciata, ndr)
La metrica originale ricalca un brano inglese del tempo che non mi viene in mente, al punto che sto sospettando il motivo sia mio.
(II-17.9 A)
Melodia:
RE DO MI RE MI RE
RE-
RE
MI MI-
(IV – 30.8 A)