PORTO PISTIS

Misteri di rocce, come illusione          
svaniscono, quasi il mare fosse
lo schermo di un gioco elettronico.
Sabbie d’oro socie di antichi assalti,
allora gaia celia, oggi rimpianti.
Acque testimoni di tentazioni
estreme, di trasgressivo sollazzo.
Prenda guarnita di torre spagnola,
meta di oscuri corsari moreschi.
Distesa di memoria, materiale
diario non scritto che scandisce il tempo
trascorso, rendendolo tangibile.
Convegni adolescenziali mancati,
presunte sicurezze conquistate
e giovanili desideri elusi…
Già chioccia, or solo consolatore.

porto, arbus, mistero, schermo, compact disc, prenda, spagna, corsari, saraceni, trance

Ancora una volta osservo il mare, il mio porto consolatore, con la sua storia, con la mia storia che rivive su quelle sabbie, evanescenze, volti, gesti, echi di un ieri perenne. Una magia che si ripete ed è come se la natura ne fosse il motore.
Endecasillabi sciolti di nuovo, ma questa volta composti in staticità, quasi in trance, di fronte al mio mare.
(XXIV.XL – 2.9 Arbu)

PORTO PISTISultima modifica: 2013-05-31T07:55:00+02:00da thewasteland
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “PORTO PISTIS

  1. E’ al mare che ho affidato i miei ricordi, le mie speranze, i miei sogni..ed è proprio sulla spiaggia che ho vissuto i momenti più belli! ^__^

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *