MARI DE SA MAJAXA

S’arcada de sa lolla in sa domu
acumpangiat sa bisura selena
asuba ‘e unu fundabi de celu,
uña genia de asulu, cabor’ ‘e mari
cun màncias de asuletu de lìssia.
Bisura de acua de atrus tempus
currit in s’arriu intre lacus de pedra,
xaquadroxus amantaus de bidri
de biddas intòrrius a sa praja,
in d’uñu falare sighidu a sa foxi.
Leni leni sa cuntierra infra bentus,
una atza lebia de bentu estu
ocasionat un’unda fac’e manca
cad’e iscòlius agarbaus de su tempus,
grigali a merì spingit in Africa.
In celu cumparit una sola nue
chi si sprigat in su mar’e Sardigna,
cinixali chi annapat su fundabi.
Sa casbah si càstiat citida
testimòngius de custa vida.


portu maga.jpg

A tre anni dal sogno – forse fuori contesto (almeno) narrativo – se c’è un briciolo di poesia in questi versi, è dedicato a te (V)* in questo giorno simbolico e importante.

Sa Majaxa è una delle spiagge della Costa verde, appartenente al territorio di Arbus, nella Sardegna centro occidentale.

Un giorno d’estate di qualche anno fa mi affacciai al balcone della casa, guardai, pensai, sognai… poi scrissi qualcosa su un foglio.

(XXI.XXXIV – 1.7 Arbus/PM)

 

Traduzione:

MARE DELLA MAGA

L’arcale del verone della casa/ introduce l’espressione distesa/ su un orizzonte di cielo e mare/ di varietà d’azzurro e turchese/ con chiazze d’asuletu e cobalto./ 

Visioni di acque d’altre culture/ scorron nei rii tra lavatoi di pietra,/ àmbito antico di incontri tra donne/ di villaggi in odore di battigia,/ in un fluire perpetuo alle foci./

E’ lieve la contesa tra i venti,/ una leggera brezza da vespero/ crea un moto ondoso mancino/ contro scogli modellati dal tempo,/ poi la sera schiavo spinge in Africa./

Nell’aria appare un unico nembo/ che si rispecchia sul mar di Sardegna,/ un grigio perla che sfuma gli abissi./

La casbah silenziosa ci contempla/ testimoni di questa esistenza./

 

Note:

Metrica: endecasillabi sciolti.

Verso 5, asuletu: azzurrante per bucato, in italiano regionale sardo anche azzurrino. Colorante blu scuro che usavano le mie nonne per risolvere le scoloriture.

Qui usato nell’accezione di colore, varietà di blu.

Richiama l’intera strofa successiva.

Verso 12, vespero: vento che spira da Ovest Nord Ovest.

Verso 15, schiavo: vento che spira da Est Nord Est.

Verso 19, casbah: nel senso di villaggio.

MARI DE SA MAJAXAultima modifica: 2012-03-30T07:48:00+02:00da thewasteland
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “MARI DE SA MAJAXA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *