PISTIS

Bisus de barcas a velu ‘e fenìcius,
lìdius, frìgius, sàrdicus, gregus, gitzius
o feti bizantinus, chi imbatint
cun pagu marineris pustis de ai
masedau sa coster‘e portu Pistis.
Ainci tzérriant cussa cala secura
anca de tempus issus aprobiant
surchendi lébius su mar’‘e Sardigna.
In gunis oprigada ‘e su ‘entu estu
s’idda càstiat sa punta s’Aschivoni
chi fromat sa pentuma s’Enna ‘e s’Arca
e donat nomi a sa gent’e su logu.
Pagus fiant e pagus funtis galu
e tenint airi afaca ‘e mesudie.
De cuss’oprigu, fessit preistoria,
edàdi pùnica, antiga o de mesu,
no potzu nai comenti funti lòmpius
a Forru is babbus de Antoi de Pepi.
Navigadoris pagu passientziosus
chi anti xoberau sa vida ‘e cùcuru.

 

Dietro ogni toponimo c’è una storia, ci sono uomini e donne che si muovono in un passato remoto e altri che ai nostri giorni hanno mutuato quel nome.
Nomi di luogo, talvolta enigmi irrisolvibili che si velano di mistero come una sfinge, brevi termini che nascondono tomi di vicende infinite e individuano genti e famiglie.
Il brano in endecasillabi, con uso diffuso della dittongazione, dell’elisione, alcuni enjambement e altre figure, segue una struttura che si adegua al recondito.
(XIII.XXIVe-31.07 A)

Traduzione:
PISTIS
Visioni di barche a vela di Fenici,/ Lidi, Frigi, Sardici, Greci, Egizi/ o solo Bizantini, che giungono/ con pochi marinai dopo aver/ domato la costa di porto Pistis./ Così è denominata quella baia sicura/ dove da tempo loro approdano/ solcando leggeri il Mar di Sardegna./
Lì riparato dal maestrale/ il villaggio guarda la Punta S’Aschivoni/ che forma l’insenatura rocciosa S’Enna e s’Arca (letteralmente: porta dell’arcata, ndr)/ e dà il nome alle gente del posto./
Erano pochi e sono ancora pochi/ e hanno respiro verso meridione./
Da quel riparo, fosse preistoria,/ periodo punico, antico o di mezzo (medio evo, ndr),/ non so come siano giunti/ a Forru gli avi di Antonio di Pepi./ Navigatori poco pazienti/ che hanno scelto la vita di collina./

PISTISultima modifica: 2010-02-28T18:47:00+01:00da thewasteland
Reposta per primo quest’articolo

10 pensieri su “PISTIS

  1. come va nel lazio??? ….. Piove! Piove! Piove!!!
    Piove dalle nuvole sparse.
    Piove su le tamerici salmastre ed arse,
    piove sui pini scagliosi ed irti,
    piove sui mirti divini,
    su le ginestre fulgenti…. ecc eccc ecccc………….

  2. Visioni di barche (a vela) fenicie,
    lidie, frigie, sardiche, greche, egizie
    o solo bizantine, che approdano
    con pochi marinai sulle coste di Porto Pistis.
    Da qui …

    Vedi? E potrei continuare…
    :-)))

  3. Ciao Angel, sei un pò latitante….
    Mi sono come fan come mi avevi chiesto…
    Hai un PVT ancora da leggere dagli inizi di marzo!! :-))))
    Sai che stavo per andare alla presentazione del tuo libro a Monserrato?
    Un imprevisto me lo ha impedito.:-(

    Un abbraccio.:-) faraluna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *