ADOLESCENZA

Sentirsi adulto, ma trattato da bambino.
Vivere dai nonni;
il piacere di pensare ragazze
e l’emozione di vederle;
fremere in presenza di una,
ma sognarne tante.
Riunione della famiglia
sotto il tetto natale.
Prime lettere d’amore
per la più ammirata:
incoscienza, impacci, rossori.
Smania di rivelare i sentimenti,
sequela di delusioni,
imparare ad indugiare.
Detestare i tipici complessi,
ritenersi disprezzati.
Primo viaggio in terraferma
at Roma caput mundi;
un incontro piacevole,
una passione da sviluppare,
un rapporto ancora impari.
Innamorarsi davvero un pomeriggio
solo vedendo un viso,
alla soglia degli studi superiori.
Non riuscire a studiare
nella sede della scuola,
memoria di un tempo desolato,
unico sollievo l’alienazione,
senza sostegno i pensieri.
Fuggir l’angoscia oristanese,
viaggiare dissipando energie:
arrendevolezza alla negatività,
tempo sprecato senza valore.
Attraversare ancora il mare
per un luogo avvertito opprimente,
gocce d’ingiustizia, poca libertà;
germinale di contestazione,
ancestrale coscienza rivoluzionaria.
Prurigini con compagna epistolare,
la mente altrove.
Esser ribelli a Karalis,
impavidi di mostrare il proprio io
nelle idee e nell’estetica.
Vita filosofica
in un paese chiuso in se;
contemplazione del futuro e del presente,
bisogno d’affetto.
Libertarismo emarginato,
non gradito, forse odiato,
perder fiducia, guadagnar diffidenza;
in crisi divenir se stessi
con la poesia per amica;
grande avvenimento
parlare con una donna.
Nel camping vacanza
vissuto come prigione,
l’analisi anti-ipnopedica
ancora poco chiara,
ma cresceva la ricerca.
Lentissimi progressi
dei contatti con l’altro sesso,
primi vincoli veri.
Prime fusioni dell’adolescenza,
superamento di molti timori,
sviluppo di desideri spirituali.
Ricostruzione dell’io.

adolescenza

Come per la mania di voler scrivere versi per ogni pianeta e altri elementi della galassia, la stessa cosa valse per i periodi della vita: nascita, infanzia, fanciullezza e così via. Insomma appunti a future “Memorie”.
L’età è sempre diciotto anni: non mi sentivo più adolescente… forse non lo ero del tutto o non lo sarei più stato di lì a poco. Ho notato che oggi l’età adolescenziale viene spesso spostata in avanti a seconda delle opportunità, talvolta anche oltre i venti anni: si parla di gente che vota, ha la patente ed è già fuori di  casa!!! Mah!
Lo stile è simile agli ultimi due brani della serie, già visti. Anche in questo caso sono riportati i flashback del momento, gli avvenimenti più vivi, ritenuti più importanti.
Anche qui c’è stata una rielaborazione che non ha modificato la sostanza, ma lo stile, l’esposizione. Vale il discorso fatto per “Fanciullezza”, qui le modifiche sono ancora minori e senza storia.
(V – 28.8 A)

Music:
LA SOL
MI RE
MI FA SOL
LA SOL LA
FA# MI FA
SOL SI
RE SI
(V – 5.7 A)

http://poeesie.myblog.it/media/00/00/514949840.mp3

ADOLESCENZAultima modifica: 2008-09-30T23:17:00+02:00da thewasteland
Reposta per primo quest’articolo

38 pensieri su “ADOLESCENZA

  1. La notte è appena andata e i primi bagliori dell’alba rischiarano questo nuovo giorno che spero sia per te un giorno pieno di serenità e sorrisi.

  2. Ma grazieeeeee!!! tutti questi premi in una volta sola!!!! così mi monto la testa!!! ;-))
    li prendo volentieri e li assegno a mia volta a tutti i bloggers con cui ogni giorno condivido idee, pensieri, emozioni…..
    la mia adolescenza è stata piuttosto tormentata, infatti ho quasi rimosso tutto di quel periodo….xò ora sono abbastanza equilibrata!!! ^__^
    un abbraccio e grazie ancora x il pensiero!!!

  3. Nella giornata di domani Maddy ritornerà finalmente a casa!!!

    Ho preparato un post di bentornata, nessuna parola, solo un’immagine con tutti i nostri nomi, sarebbe bello farle trovare anche i nostri messaggi.

    Il post sarà on-line alle 00.00 dell’11-10-2008.

    Probabilmente Maddy lunedì sarà sul blog.
    http://vivereperraccontarla.myblog.it/

    Un saluto e buon w.e.!!!

  4. Istantanee scattate con la polaroid e subito sviluppate perchè c’è la necessità di far uscire il malessere, quel malessere di una generazione in crescita. P.S. Apprendo dunque che sei un isolano. Me ne hanno parlato tanto e prima o poi sbarcherò sulla tua isola.

  5. hai ragine…su tutto è che a volte sono cosi arrabbiata che esigo un colpevole un colpevole da punire…invece al mondo tutto è impunito e la trova una tra le più grandi ingiustizie. ho sempre confidato nelle persone buone ma alla lunga ho scoperto che quelle buone servono a poco non risolvono….spesso sono solo persone stupide . meglio quindi un cattivo intelligente che un buono stupido…..

  6. Forse nei luoghi della tua infanzia (o adolescenza…) non ci torni fisicamente, ma spesso nelle tue poesie fai riferimento al passato, o comunque qui riproponi cose scritte nel passato… anche questo a suo modo è un viaggio. Un po’ meno diretto, forse… più metafisico… ma pur sempre di viaggio si tratta.

    Un saluto e un abbraccio
    Laura

  7. hai letto la nota del quirinale? ok…ok.., nn ci sta con la poesia, che leggerò con calma, ma ti volevo avvisare.
    un saluto notturno per fuggire subito da questa mia giornata balorda
    giulia…emma

  8. oh ma da casa perchè non riesco ad aprire il blogggggggggg????? quando posso ti leggo da scuola,anche se non sempre ho il tempo di lasciarti un commento! buon pomeriggio 😉

  9. le geishe erano donne intrattenitrici per uomini ricchi. studiavano molto fin da ragazzine canto, ballo, musica. in occidente venivano e vengono ancora oggi scambiate per prostitute. ma niente a che vedere!! erano come giullari di corte. mi affascinano e ti confesso che io sono un pò geisha. mi piace viziare l’altro 😉

  10. sei una rivelazione davvero!
    altrochè…

    i miei casini? in alto mare.. ora ho esami e altro da pensare, ma da novembre iniziano le udienze..
    no.. mi hanno incastrato per bene, ci vorranno anni. questo è il tempo della giustizia italiana….

  11. cattivo blog che non mi invia i commenti…dicevo la canzone di cui mi parlavi ha una melodia bellissima che mette però tanta tristezza…ma le parole siamo sicuri che siano in italiano?non ci ho capito ancora niente…ahahah…questa di fondo invece p bellissima e mi mette troppissima…va diciamo dolcezza…altra cosa…io non mi martirio…semplicemente a volte penso a certe cose e le butto giù…non sono proprio la tipa di autofragellarsi…mi piace ridere divertirmi…credimi…ti lascio un mega bacio e buona fine settimana

  12. ehiii…ciaooo…stò per scappare all’uni…oggi unn pò più tardi…fiùùùù…ti risponderò alla mail con calma o stasera o domani mattina…baci e buon inizio settimana

  13. Ciao!Finalmente riesco a fermarmi e a scrivere!Avevo il pc fuori uso e ho fatto lavori di riordino a casa(vuotato gli armadi,risciacquato “tutta” la roba,cambiato disposizione delle cose…insomma un lavoraccio!).
    Bello scrivere al suono di questa musica!
    Ti abbraccio. faraluna
    P.S.:Grazie per la tua costante presenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *