KEITHREIDESQUE DREAMLIKE

New contingent of taken girls
hastily at employment office
are stirring attract my attention;
fail to open workplace edifice
with the fellows enclosed inside:
absurd have not learned once for all
to release stop at safety lock.
I retrace help them through long hall.
Sublime futuristic library
that overlooking the old square,
gives me feeling of being screened
into a unreal dimension and flair.
What year is it?
The scenery of downtown is dark,
surreal image from silver screen,
static, seemingly deserted.
Called to a wedding transmarine
from a pair of unknown spouses.
Aunt hands me a white cell phone casket.
After we linger at the match
and so arrive late for grand banquet:
it can not be attend either paying,
replies waiter daddy and mom.
Back on road to reflect a how
return the package quoted on.

(Hommage à Keith Reid)

kr

Ottonari in rime alternate a versi sciolti
(XXVIII.XLIV – 10.11 A)

Trasposizione:

Le nuove ragazze assunte
dall’ufficio dell’oziare
richiamano l’attenzione,
hanno problemi ad entrare
e i colleghi chiusi dentro
non si sono ancora accorti
di questa urgente esigenza,
e dare idonei supporti.
La moderna biblioteca
sporge su un altro piazzale.
Ho come la sensazione
di una dimensione irreale.
Che anno è?
La vista del centro è buia,
pezzo da film singolare,
apparentemente vuota.
Ospiti a nozze oltremare
di sposi mai conosciuti.
Da zia un cellulare chiaretto.
Ci fermiamo alla partita,
giungiamo tardi al banchetto:
manco a pagare c’è posto,
sostiene il cameriere.
Nuovamente sulla strada
pure senza bomboniere.

KEITHREIDESQUE DREAMLIKEultima modifica: 2017-01-31T15:09:11+01:00da thewasteland
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “KEITHREIDESQUE DREAMLIKE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *