QUELLE SERE DEL LONGUE ANDIRIVIENI

Quelle sere del longue andirivieni,
lei là sempre assisa sull’alto seggio,
si mostra nel lounge food nei tratti ameni,
bambola che parla a un soffice aggeggio.

Ciondolo oltre e rievoco la prigione
dell’indifesa schiava di se stessa,
le ore d’aria son l’unica evasione,
assiste a questo oblio mite e sommessa.

Dai refugium peccatorum prosceni
nanzi al salottino ignaro passeggio
spargendo identità in ogni stagione.

Pur d’inverno figuro un’agnizione,
nel cammino perenne la corteggio
mentre s’alternano gli arcobaleni.

Nella mente i suoi seni,
l’accavallo e qualsia grazia concessa
sensi che spogliano l’idea riflessa.

146 quelle sere

Sonetto caudato misto (rime alternate e simmetriche)
(XXVIII.XLIV – 5.9b Chg)

QUELLE SERE DEL LONGUE ANDIRIVIENIultima modifica: 2016-09-30T23:46:21+02:00da thewasteland
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “QUELLE SERE DEL LONGUE ANDIRIVIENI

Rispondi a giulia Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *