NEPTUNE

Gli amanti che porti nel tuo letto
ti abbandonano dopo qualche tempo
solo perché io fui libero
di cogliere la tua verginità.
La giovinezza illuminava i nostri visi,
sapevi che forse era un fuoco debole
e gli uomini privi di sentimenti
non accettano donne che hanno già amato.
Il tuo corpo fu eccitato
dall’ambiente creato dal mare.
Il tuo sguardo divenne sognante
scrutando il cielo dominato dal sole
e senza altre forme di vita;
il mare splendente, deserto, tranquillo,
gli scogli carezzati dall’acqua,
la pineta misteriosa abbandonata,
la spiaggia che terminava all’orizzonte,
la sabbia fresca che dava sollievo.
La natura quieta ti impaurì,
all’improvviso ti sentisti sola,
ti scansasti dal mio corpo,
ti afferrai col cuore in gola,
incosciente godendo sospirasti,
poi piangendo di gioia ti assopisti.
Ora lotti contro i miei ideali,
ma senza amore non posso sposarti.
Peccato! Capiterai a qualcuno,
imprecherai sui pregiudizi,
la fortuna di essere farabutti,
venderai la tua purezza morale.

img176/3082/neptunefd2.jpg

Il giorno del mio diciottesimo compleanno, nel mio “esilio” di studio, composi questo brano in inglese… oggi può apparire, a tratti, di una retorica disarmante, per il sottile filo ideologico ormai desueto, giusta una rivoluzione dei costumi che può rendere ridicolo certo argomentare.
Tuttavia, la lettrice attenta non potrà non notare la vis polemica (intrisa di una piccola, fisiologica, dose di ipocrisia maschile) contro il sesso per il sesso.
Ergo, i versi non sono autobiografici (mi conforta il diario: “la mia fantasia su un grave problema umano” – certo c’è di peggio!), ma prendono in esame il Caso, per la verità non completamente estraneo alla nostra società, se smettessimo l’obiettivo dai grandi numeri e mettessimo a fuoco il particulare.
La cosiddetta globalizzazione è in realtà una frottola. Il nostro è un mondo di particolarismi, di culture, di popoli, di identità, che otto o nove stati, estranei al bel pensare, vorrebbero scelleratamente scremare, ottenendo per fortuna solo l’effetto contrario, cioè il risveglio di certe comunità dimenticate.
Con questo non dobbiamo far finta che le culture deboli non abbiano le loro aberrazioni, la mia amica Nadir ne ha giusto denunciata una, in tema con il nostro discorso.
Il titolo originale era “Neptune (delight has ruined you)”, musicata a ritmo di rock ballad. L’inglese ha il pregio, con i suoi vocaboli che significano tutto e il contrario di tutto, di nascondere e affinare molte sfumature, che in italiano possono stonare.
L’unica variazione di rilievo è al verso 10, dove l’originale “by Neptune” (da Nettuno) è stato sostituito con “dal mare”.
(IV – 23.10 S)

NEPTUNE (delight has ruined you)
(versione originale)
Lovers who bring in your bed/ after sometime you leave/ only because I was free/ to take your maidenhead./
The youth lit up our faces,/ you knew it was perhaps a feeble fire/ and men without feelings/ don’t accept women who already loved./
Your body was excited/ from the background created by the sea;/ your look became dreamy/ staring at sky dominated by the sun/ and without other forms of life,/ the radiant, desert and quiet sea;/ cliffs caressed by water,/ the mysterious pine wood forsaken,/ the beach ending with space,/ the fresh sand that gave relief./
Silent nature scared you,/ suddenly you felt alone,/ stepped aside from my body;/ I grabbed you with heart in throat,/ unconscious, coming, you sighet,/ then weeping for joy fell asleep./
Now you fight against my ideals,/ but I must not marry without love./ What a pity! You will come to someone,/ will curse the prejudices,/ the fortune to be rascals,/ will sell your moral purity./

Music:
LA SOL MI
LA SOL MI
LA RE MI
LA RE MI
SOL FA LA
SOL FA LA   (then repeat…)
(IV – 4.11 A)

http://poeesie.myblog.it/files/Linkin%20Park%20-%20One%20Step%20Closer.mp3
NEPTUNEultima modifica: 2008-06-29T18:25:00+02:00da thewasteland
Reposta per primo quest’articolo

46 pensieri su “NEPTUNE

  1. ciaoooo!!!! ti ricordi ancora di me??? penso di si perchè come si fa a dimenticare un fenomeno come me 😛
    forse torno con un nuovo blog. vedi un pò che idea m’ è venuta in questi giorni!!!! casomai ti faccio sapere il link. a presto. baci

  2. Ciao,mi manda qui Angel(che poi mi sa che anche qui sei tu!!:-)))
    Bella la musica di sottofondo.
    Piuttosto sono già passata altre volte senza lasciare segno,per ascoltare “ai cuddos”,ma il player non mi si apre;o meglio,si apre ma non sento niente!!
    Nemmeno oggi.:-))
    Ciao.faraluna

  3. Guarda, per come sono scocciata oggi, tu avevi avuto l’enorme privilegio di ricevere da parte mia un commneto, lungo, sentito, appassionato, ragionato ma anche un pò istintivo, ma il sistema evidentemente si scocciava di lavorare più di me oggi e si è bloccato. Uff…provo a rassumerlo…i tuoi scritti mi fanno venire mal di pancia…tanto arrivano diretti in quella zona o) Spero di avrere reso l’idea…in ogni caso il commento di prima era decisamente più intelligente o)

  4. Ciao,
    il player audio utilizzato dal sottofondo musicale dipende dai plugin installati nel browser. Quelo standard è quello di QuickTime, per utilizzare un altro player devi modificare le impostazioni del tuo browser o inserire un player audio fornito da diversi siti web, come http://mymusic.alice.it.
    A presto.

  5. Non puoi utilizzare due player in contemporanea, rischi di confondere i tuoi lettori… Addirittura la redazione… ma allora esistono davvero?… Io ti consiglio di mettere sempre il mediaplayer di windows come predefinito… e di non far partire la musica (visto che nella pagina è presente un file SWF)… e di lasciare al lettore l’opzione di farla partire o no… Tieni d’occhio Angel, a volte fa certi pasticci con i file audio… quel ragazzo, non posso lasciarlo due minuti da solo, che fa diventare sordi tutti i vicini…

    eiiiii… a me piace una canzone dei Queen, che porta un titolo spagnolo… sai qual’è?… Las Palabras de Amor… e poi To Much Love Will Kill You, non è male… e poi il gospel Let Me Live… e poi il rock-opera Innuendo… e poi la ballata Heaven For Everyone… e poi la cover The Great Pretender… e poi… e poi… te li direi tutte… La canzone che ho postato è una cover del 1998… quindi non è anni 80!!!… dell’album Jazz (buongustaio)… mi piace Don’t Stop Me Now… Ma la mia preferita è un classico… Another One Bites The Dust… Secondo me il giro di basso, la rende immortale… e poi è la più versatile… negli anni, è la canzone che ha avuto più cover… e poi è la prima canzone che ho abbinato ad un pittore… Mondrian…

    Il mio “centesimo” è poco… per comprare il gelato…. ergo… i 99… lo sai… o chissà… farò un mutuo…
    I pregiudizi… portano a distorcere la realtà che ti circornda… c’è la nebbia… non vedi chiaramente… e alla fine vedi ciò che vuoi vedere… e quindi a giudicare male… gratuitamente… ergo… non solo “la lettrice attenta”, ma anche “il lettore attento” può apprezzare un certo modo di argomentare…
    La scena d’amore in versi… è davvero molto bella… c’è passione e coinvolgimento… oserei dire un “mare d’amore”… Ma sai che io tifo per Saturno… e i suoi anelli… Le ragazze, sognano sempre un anello al dito…

    Che ne dici, domani mi tocca ripassare Latino?… mannaggia… e io che speravo che i tempi dl Liceo fossero lontani…

    Besitos…bbbbbbbbbb… Sonia

  6. ehm… siamo tutti e due madrelingua italiana, cresciuti in Italia e parliamo entrambi italiano… non ci capiamo perchè lui è un uomo, e io una donna!
    bel tentativo comunque!
    PS palme come in sole, mare, sabbia e palme. e magari una pina colada (senza latte per carità!). gli ingredienti per il paradiso. o una settimanina di vacanza!

  7. ehiii…ma ciaooo…che bella questa cosa che hai scritto…è molto libera ma allo stesso tempo mi da un senso di tristezza…non sò bene perchè…però…mi è piaciuta davvero tanto…la musica fantastica…per quanto rigurda il detto che mi hai lasciato…provo a tradurre ma nonostante sia stata in sardegna tante volte prevedo una tragedia…allora provo…si stende e si arrende…chi cade a terra…mah mah mah…che disastro…fammi sapere la traduzione corretta che sono curiosa…comunque il sardo mi piace troppo anche se è molt difficile da capire…bacini

  8. Quoto anche io il caimano…anche se di stronzi ce ne sono parecchi in giro!!! purtroppo passo di corsa xchè ho la linea ballerina…mi leggo il post con calma appena risolvo!!! buonanotte!!! alla prossima!

  9. Ma che c’entra!!!… anche Vivaldi è antiquato, eppure l’ho ascolto con piacere… Prima mi dici che sono troppo anni ottanta… poi che sono antiquata… e tu?… che mi vuoi constringere a leggere queste “piastrelle” in latino… (non dico mattoni, ti potresti offendere!!!)… ma vuoi litigare con me?… niente besitossssssss!!!… Sonia

    P.S. mi hai fatto talmente arrabbiare che ti copio-incollo la mia risposta anche nell’altro blog… tiè!!!…

  10. Ciao collega,thank you,for the message,purtroppo il mio blog e’ fermo a causa
    di un virus cosi’ come gli altri,boh ci capisco poco,prossimamente ti do
    il link di quello di my space,sperando che nn ‘muoia’ pure quello…
    Nel frattenpo ti dico che hai un notevole stile descirittivo,accompagnato
    da un lirismo ben costruito…
    Un abbraccio,comunque nel blog si puo’ intervenire,forse,sono
    io che nn posso postare
    miao
    Raimondo,Poeta,scrittore

  11. Ciao!Ho appena letto il tuo commento da me su Splinder.
    Guarda che scherzo quando dico che faresti prima a prendere un pc nuovo!:-))) E comunque se su Splinder senti la musica di Enya che va e viene…ho paura che in parte dipenda dal tuo pc,sai?Splinder è molto più leggero di Tiscali.Comunque sia,l’importante è riuscire a comunicare,in un modo o nell’altro.
    Su Tiscali non ho ancora ultimato la “sistemazione” dei codici nei box,quindi vdremo in seguito se riuscirai a commentare.
    Ai cuddos invece sono riuscita a trovarlo su tou tube!E’ molto bello,e penso di metterlo come sfondo musicale su Tiscali,prima o poi.
    Grazie!Ciao.faraluna

  12. hihihi hai letto il commentino lasciato da sofia tra le frasi in dialetto? hihihihihi beeeeeeeello invece sisi che vale hahahaha… bene bene un blog pieno di poesie 😀 leggiaaaaaaaamo legggiaaaaaaaamo hehehe
    notte :))
    Fay

  13. ma buona seeeeeeeeera 😀
    hehehehe insomma non penso di essere capacissima di fare un post in calabrese estremo… finirei per inventare taaaaaaaante parole ahhahahahahaha come al mio solito 😀 …. e fu così che nacque una nuova lingua hahAHahHAahHAHahHA
    buona serata 🙂
    Fay

  14. io parenti sardi??????nooo…ma perchè?magari così verrei più spesso in sardegna…a me piace troppissimo…però no tipo porto cervo o porto rotondo li non ki piace troppo caotico…e poi basto io come vip ovunque vado…ihihhi…ovviamente scherzo…ti ringrazio infinitamente per l’aiuto che mi hai dato…buona serata…bacini

  15. Peccato!!! ho letto in ritardo il commento e quindi ho perso il film! l’avrei registrato volentieri!! vabbè, semmai lo cerco sul youtube!!! buona giornata!!!

  16. Anche a me piace veramente tanto Battiato, ero indecisa se postare “la cura” o “le stagioni dell’amore”, il tema è molto simile,ho scelto la seconda perchè mi ricordava alcuni dei momenti più belli della mia vita.
    Che si dice a Cagliari?perchè te dove sei? la gente fa shooping sotto le stelle, così non pensa ai guai . . .unu basiru.Paola.

  17. Mi trovi completamente d’accordo con quanto mi hai scritto nel commento… tendiamo sempre a vedere il lato romantico di un certo tipo di cultura… o, meglio, il lato che cinema e tv ci hanno propinato come univoco nel corso degli anni… ma le cose non sono andate esattamente come hanno sempre cercato di farci credere… c’è l’altra faccia della medaglia con cui dover fare i conti. Eccome se c’è!

    Un saluto e buon fine settimana 🙂
    Laura

  18. Trovato tuo commento volatilizzato in post precedente…beh anche io non sono proprio sarda per intero, ho una discendenza francese e una toscana, ma si parla di nonni…si liggeusu… Paola.

  19. Certo che non considero i nonni lontani parenti, ci mancherebbe…sono le mie radici…e quindi potrei parlarti in francese o in toscano…sempre dopo il sardo naturalmente.Si liggeusu.Pauline.

  20. ehi ma quella preghiera è troppo difficile da tradurreee…ihihih…io dopo diversi giorni sono arrivata ad una mia strettissima traduzione…vuoi davvero che te la scriva?ihihih…poi non ridere però…un bacione

  21. ma ciaooo…allora siediti e ridi con la mia traduzione…premettendo che non sono nemmeno una ragazza propriamente da “chiesa”…e cdhe non sono sarda ma napoletana…tento di fare questa benedetta traduzione…mmm…vediamo…uno guarda la luna…
    si parte per seguire la stella
    sono le tre passate sono le tre marie…
    sono le due passate sono le stelle…
    sono le quattro passate sono i quattro angeli…
    sono le sei passate sono i sei ceri…
    sono le sette passate sono i sette doni…
    sono le otto passate sono gli otti cori…
    noi siamo passati (parole che npn capisco per niente)…
    sono le dieci passate sono i dieci comandamenti…
    sono le undici passate sono le undici vergini…
    sono le dodici passate sono i dodici apostoli…
    che vanno da Gesù Cristo che si trova ai piedi della terra di Gerusalemme
    in nome di suo padre, di suo figlio e del suo spirito santo…amen.
    canto nel letto…canta la folla…cantano i mari…mari profondi…mari senza fondo…dove le persone non toccano il fondo…

  22. ok ok ok lo sò ho fatto un disastro…ihihih…però dai mi sono divertita a buttarle fuori le scemenze…poi una cosa la parola “funti” vuole dire passato?perchè l’anno scorso quando sono stata in sardegna…conobbi dei ragazzi di li e sentivo che per parlare del passato ci mettevano sempre il funti davanti…bu bu bu…va bè scappo…un salutissimo e buon fine settimana…p.s.l’esame che ho dato giovedi è quello di politica economica…esame allucinante e difficilissimo…ma non quello dove ebbi la discussione con l’assistente…quello melo stò conservano per settmbre …ad agosto devo rinforzarmi contro il veleno che quell’assistente mi potrebbe dinuovo rivoltare addosso…puff…ciao ciao ciao…p.p.s.se non fumavo mi evitavo solo il mal di testa…ihihih…altro che 30 e lode magariii

  23. Vorrei farti i complimenti per quanto riesci a trasmettere attraverso le tue testimonianze di vita. Sei una di quelle persone che mi piacerebbe conoscere attrverso lo scaffale di qualche libreria perchè non è da tutti comunicare in modo così profondo e sentito. Brava e buona domenica…

  24. sono le 9 passate e io ora mi sono svegliata e dovrei studiacchiare un pochetto…ma buongiorno…senti però la trauzione giusta mica me l’hai mandata…mica vuoi che pubblichi quella preghiera con la mia di traduzione?se passa qualche sardo mi elimina il blog…madò sono distrutta ma perchè il fine settimana si fanno troppe cose e il lunedi si è ko?uff uff uff…buon inizio di settimana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *